Massimiliano Patricola (Cai Palermo) ci aveva preannunciato che erano in corso diversi lavori, nel Messinese, per il completamento di Sentiero Italia CAI. Da Belpasso arriva una lieta conferma

Durante il weekend del 24 e 25 agosto un gruppo della sezione Cai di Belpasso ha realizzato la segnatura delle tappe 21 e 22 del Sentiero Italia in Sicilia, precisamente nella parte orientale del Parco dei Nebrodi, da Portella Femmina Morta, nel territorio di Cesarò, a Floresta, entrambi i Comuni ricadenti nella provincia di Messina.

dav

Il percorso coincide con la Dorsale dei Nebrodi, una carrareccia che percorre questi monti da ovest a est a quota variabile tra 1400 e 1600 mslm.
La zona è per la maggior parte coperta da boschi di pregio, tra questi faggete ad alto fusto di grande valore naturalistico e paesaggistico, con ampi punti panoramici che si affacciano sulla vallata del Rosmarino, sulle Rocche del Crasto e sul mar Tirreno, quest’ultimo punteggiato dalle isole eoliane.
I Nebrodi sono considerati anche il “polmone verde di Sicilia”.
Il tratto interessato comprende due tappe del Sentiero Italia Cai: la tappa 21, da Portella Femmina Morta a Case Cartolari Liperni, e la tappa 22 che raggiunge l’abitato di Floresta, il Comune più alto di Sicilia a quota 1275 mslm.

Il Responsabile del gruppo sentieri della sezione, Pietro Sambataro, spiega:
“Abbiamo pitturato più di 100 bandierine rosso-bianco-rosso indicando in tutte la sigla SI. Abbiamo cercato di fare un lavoro certosino per evitare che gli escursionisti possano confondersi, dato che sui Nebrodi la segnaletica verticale è carente, e si può generare confusione con gli altri segnavia a bandiera sul territorio. Inoltre abbiamo collocato i caratteristici adesivi e placchette metalliche con il logo del Sentiero Italia e abbiamo installato le tabelle con le relative indicazioni per il percorso. Manca ancora da collocare la segnaletica verticale, già progettata dal nostro gruppo sentieri e realizzata. Quest’ultima sarà collocata solamente dopo il completamento dei lavori previsti a breve dall’Ente Parco per il ripristino della stessa Dorsale dei Nebrodi, lavori appaltati da pochissimo”.

Il Presidente della sezione di Belpasso Enrico Fisichella aggiunge “Con spirito di servizio la nostra sezione collabora per la valorizzazione del territorio, seguendo le direttive del Club Alpino Italiano. Belpasso si trova nel territorio etneo ma poichè sui Nebrodi non ci sono sezioni CAI abbiamo ritenuto fosse necessario metterci a servizio del Gruppo Regionale siciliano e unirci alle altre sezioni che lavorano al Sentiero Italia, i cui lavori sono coordinati da Giambattista Condorelli, membro della commissione Sosec.”