Venerdì 13 settembre, vigilia della festa della Croce, è prevista un pellegrinaggio a piedi da San Luca a Polsi, organizzato dalla Curia, lungo la fiumara del Bonamico, uno dei più antichi percorsi che accedevano al Santuario, descritto da Corrado Alvaro e dal viaggiatore Edward Lear. Il Vescovo di Locri-Gerace, monsignor Francesco Oliva, ha voluto questo evento e parteciperà personalmente al cammino.

Il Cai di Reggio Calabria è in piena sintonia con l’appello del Vescovo: “Il Santuario della Madonna di Polsi non può essere accostato alla ‘ndrangheta e quando uomini di ‘ndrangheta sono andati lì con altri intenti, non certo per pregare, hanno tradito e rinnegato la fede ricevuta da piccoli”. Così parteciperà all’iniziativa, anche perché il tracciato corrisponde ad un tratto del Sentiero Italia, individuato negli anni ’90 nell’intento di aprire alla legalità la nostra montagna, allora tristemente conosciuta per gli episodi di cronaca.
Per la logistica dell’evento il socio Alfonso Picone Chiodo terrà i contatti con il rettore del Santuario. Chi vorrà partecipare manifesti il loro interesse a partire da giovedì 5 in sede. Si precisa che il percorso è impegnativo.