Le tre tappe isolane di Sentiero Italia Cai –  8 marzo: da Masseria Dammusi a Piana degli Albanesi; 9 marzo: da Masseria Rossella alla stazione di Ficuzza; 10 marzo: dalla stazione di Ficuzza a Cefalà Diana

 

E così nel giorno dedicato alla festa delle donne, l’8 marzo, Sentiero Italia si troverà nell’estremo sud del nostro Paese. Si ripartirà in Sicilia nella zona della “Casa del Principe”, nel Comune di San Giuseppe Jato, la Masseria Dammusi, un feudo storicamente importate per la zona. Si sale tra i pini per ridiscendere nella valle del Fico e si risale per Piana degli Albanesi costeggiando le punte della Moarda. 

Il giorno seguente (9 marzo) la staffetta inaugurale partirà dalla Masseria Rossella – che prende il suo nome dall’omonimo monte (alto 1029 m) – valico fondamentale che anticamente collegava Palermo con Agrigento e su cui, oggi, si intrecciano alcuni importanti cammini quali appunto il Sentiero Italia, ma anche l’Itinerarium Rosalie e la Magna Via Francigena – si dirigerà verso la stazione di Ficuzza che si raggiungerà seguendo la vecchia linea ferroviaria. 

Si chiude il 10 marzo la parentesi siciliana, prima di toccare la Penisola, lasciando la stazione di Ficuzza, risalendo il vallone, trovando laghetti artificiali, toccando Mezzoiusa, per poi scendere all’ombra del Pizzo Lungocucco, per risalire al Cozzo Conigliera e scendere alla meta della seconda tappa sicula, a Cefalà Diana dove per alcuni si possono trovare gli unici resti archeologici (i Bagni) direttamente attribuibili al periodo della dominazione araba in Sicilia: là dove il testimone verrà passato ai calabresi.